fbpx

La temperatura della birra

Ogni stile di birra ha la propria temperatura di servizio ottimale. Scopri a quale temperatura servire il tuo stile preferito.
temperatura della birra

LA TEMPERATURA DELLA BIRRA

I veri esperti di birra, i più ferventi appassionati e tutti gli amici di Intro Beer Club ormai lo sanno bene.

L’idea della birra ghiacciata da trangugiare d’estate anestetizzando il palato e la sete è un’immagine ormai superata, che forse resiste ancora nell’immaginario di qualcuno di noi ma che ormai anche gli strateghi del marketing hanno archiviato a favore di un modo del tutto nuovo di raccontare e approcciare la birra.

Questo nuovo corso, favorito dall’esplosione del fenomeno dei birrifici artigianali, ha insegnato ai più curiosi molte cose che ci consentono di apprezzare al meglio il lavoro incredibile delle tante eccellenze brassicole sparse sul nostro territorio e in giro per il mondo.

Una di queste è la temperatura di servizio, fattore che incide in modo determinante sulle caratteristiche di un prodotto al momento della degustazione, e che garantisce di riprodurre e di valorizzare all’assaggio la stessa birra “progettata” dal Mastro Birrario.

Ogni stile di birra ha la propria temperatura

Solo se viene versata alla giusta temperatura nel proprio bicchiere una birra riesce ad esprimere tutte le sue potenzialità, liberando l’anidride carbonica in eccesso e aprendosi al palato e all’olfatto anche attraverso la formazione della schiuma. Quindi né troppo freddo, che appiattisce tutto, né troppo caldo, che tende invece a evidenziare alcune note di gusto a scapito di altre, pregiudicando l’equilibrio del prodotto e alterandone la percezione.

La temperatura corretta può variare molto da stile a stile, passando dai 6° per una lager leggera fino anche ai 16° per le birre di maggiore complessità, più forti ed alcoliche.

Per le birre chiare e di bassa gradazione alcolica la temperatura ideale può partire dai 6° e crescere, indicativamente, con l’intensificarsi del colore e del tenore alcolico. A parità di colore e di gradazione alcolica ci sono però altri parametri da considerare per orientarsi con il termometro. Una birra con note fruttate e speziate, ad esempio, può essere servita a una temperatura un po’ più alta rispetto a una birra con un profilo più amaro. Se invece è presente una componente acida la temperatura può scendere, valorizzando così la freschezza del prodotto.

come portiamo la nostra birra alla temperatura corretta?

Intanto evitando quegli shock termici che potrebbero compromettere la nostra esperienza di degustazione. Niente freezer e altri trucchetti. Lasciamo che il frigo faccia il suo corso e godiamoci un’attesa che sarà ripagata da un assaggio sicuramente più completo e coinvolgente. E se frigo dev’essere usiamo l’accortezza di tenere le birre sempre in piedi. Se sono artigiali la posizione verticale eviterà il più possibile la movimentazione dei lieviti depositati sul fondo.

La temperatura di servizio non è mai un preciso valore termico ma sempre un ragionevole intervallo di un paio di gradi che definisce convenzionalmente la migliore condizione di consumo.

Va inoltre aggiunto che, come per tutte le cose che coinvolgono direttamente i nostri sensi, c’è anche una variabile soggettiva, che entra nell’ambito della percezione e del gusto personale.

É forse anche per questo che risulta difficile trovare esattamente gli stessi riferimenti di temperatura di servizio per gli stessi stili di birra. Così, senza voler mettere d’accordo nessuno, ci siamo avvalsi dell’esperienza trentennale del nostro Beer Master, facendoci dare i suoi numeri. Forse non saranno valori universali, ma sicuramente utili indicazioni da tenere a mente per provare a maneggiare e ad assaggiare al meglio le nostre preziose birre!

Lager –  Pils – Helles – Kolsch – Gose – Weizen – Blanche – Ipa – Apa – Keller – Berliner weisse  – Saison

Bitter – Bock – Triple – Alt – Double IPA – Lambic (Gueuze, Kriek, Framboise)

Porter – Stout – Rauch – Schartz – Dark mild  – Abbazia – Trappiste (ambrate o scure )

Imperial stout – Barley Wine – Flemish